Chi è Jack Espresso?

Informazioni

Chi cazzo è Jack Espresso? Uno zombie ventenne che si aggira per le strada di Napoli senza alcun ricordo della sua vita passata.

Descrizione

Jack Espresso, la prima sit-com a fumetti ambientata a Napoli.
La serie, ideata da Luigi Formola (testi) e Edoardo Colonnelli (disegni), e promossa dal portale Napoli Tá-Ttá (The JackaL, Briganti, ecc…) da Lunedi 22 Settembre, diventa un appuntamento settimanale fisso per gli utenti del Web.
Jack, un ventenne che veste Total Black e indossa un particolarissimo paio d’occhiali, si aggira per le strade della città partenopea senza avere alcun ricordo.
Si è risvegliato in un luogo non del tutto piacevole e ha seguito la scia dell’aroma di caffè che proveniva dal centro città.
Non proprio risvegliato, il termine giusto è ridestato. Ecco! Jack non ha ricordi, ma di una cosa è sicuro. Jack è morto, e rinasce!
Jack è napoletano? In parte.
Prima di morire era un ragazzetto qualunque della provincia di Napoli, la morte l’ha trasformato in uno zombie del tutto anomalo. Ha fame, eccome se ha fame! Niente carne umana. Predilige da subito la pizza.
Jack si ritrova in una società – quella partenopea – di cui non riconosce alcun segnale. E giorno dopo giorno impara a viverci e a sopravvivere.
La sua identità è fortemente legata all’idea della Beat Generation, di Kerouac e del suo libro “Sulla strada” per un motivo ben preciso.
Jack, da buon zombie qual è, non è null’altro che un clandestino senza passato.
Location centrale della serie è il Caffè Totò, un bar gestito da un lavativo quarantenne panciuto di nome, appunto, Totò. Coprotagonista, totalmente made in Napoli è il collega barista Ciro Caracciolo, in arte Doppia C. Prova a fare il Rapper! Con risultati pessimi. E l’elemento femminile? C’è, anzi ci sono! Concetta Varriale – Tina per gli amici, e Erika per i fidanzati – che corteggia costantemente Jack. È una frequentatrice del bar, lontana dagli standard di Jack: è la classica femme (poco) fatale che, anche se rifiutata, non molla la presa. E poi c’è lei, Anna Codeluppi, studentessa della periferia casertana che studia Scienze della comunicazione a Napoli. Jack ne è innamorato, ma evita spesso il contatto con lei. Saltuariamente il suo alito ha il sapore della morte. Questo il mondo in cui si muove Jack!
Pagina facebook: www.facebook.com/JackEspressoOfficial
Sito : http://jackespresso.napolitatta.com/

IMPRESSUM

Non chiedete mai un caffè corretto a Jack Espresso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>